Nonostante ci troviamo nella patria della dieta mediterranea, incoronata come modello alimentare ideale per il suo ruolo preventivo in ambito di salute, cibi grassi e ipercalorici come il junk food ne hanno completamente oscurato i benefici nel nome di una maggiore palatabilità, praticità e basso costo. Molto spesso è proprio a causa di una vita frenetica che i genitori orientano la scelta degli alimenti da portare a tavola verso questo tipo di prodotti, che incontrano solitamente il gusto dei figli. Questi cibi, oltre ad essere caratterizzati da un alterato rapporto tra macronutrienti, sono anche impoveriti di vitamine e sali minerali a causa dei molteplici processi di trasformazione cui sono sottoposti prima di giungere a noi.

Un consumo eccessivo di cibo spazzatura è correlato all’insorgenza di malattie cardiovascolari e diabete, ponendo le basi anche per lo sviluppo di obesità e patologie correlate. Negli ultimi 20 anni, infatti, la percentuale dei bambini in sovrappeso è aumentata di circa il 50%. Le esigenze nutrizionali dei giovani sono determinate in primis dalla crescita improvvisa che avviene nella pubertà, in particolare tra gli 11 e i 15 anni per il genere femminile, 13-16 per quello maschile.

Se scattiamo una fotografia del quadro nutrizionale in età adolescenziale, l’anemia dovuta a carenza di ferro è una delle patologie alimentari più diffuse, in quanto l’espansione di massa muscolare e volume sanguigno necessita di emoglobina e mioglobina, entrambe proteine costituite da questo minerale, di cui le quantità richieste dall’organismo sono maggiori poiché dettate dall’incremento del peso e dalla comparsa delle prime mestruazioni nelle ragazze.

Un altro minerale necessario al sostegno dell’accrescimento nell’età dello sviluppo è il calcio, costituente base delle ossa e quindi determinante fondamentale della crescita dell’apparato scheletrico. Questo micronutriente interviene anche nei meccanismi di contrazione muscolare e nella coagulazione del sangue, e oltre all’alimentazione, anche l’attività fisica influenza il fissaggio del calcio nell’apparato osseo.

%

bambini in sovrappeso negli ultimi 20 anni

età dello sviluppo nel genere femminile

età dello sviluppo nel genere maschile

Per consentirti la migliore esperienza di navigazione, abbiamo configurato il nostro sito internet in modo da consentire i cookie. Continuando la navigazione, acconsenti all'uso degli stessi. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi